La cosa più dura

La cosa più dura: aspettare.
E intanto: un metro di distanza, un metro di spessore, un metro di non-toccarsi.

Mancano: i respiri vicini, le mani a contatto, la pelle che riceve, lo sguardo senza sospetto.

Mancano: gli abbracci, quelli stretti stretti, quelli da tango, quelli in cui passa molto più di due braccia chiuse sulla schiena dell’altro.

Mancano: i sorrisi nei tram, i passi all’indietro senza guardare (tanto ti fidi), i giardini delle scuole all’ora della ricreazione.

Mancano: i pensieri senza psicosi, i teatri spalancati, i cinema gremiti, le piste da ballo incendiate di sguardi e di corpi.

Mancano: le persone che si mischiano, che si mescolano, che si mostrano.

Però passerà. E quando passerà, te la immagini la vita?
Te la immagini la vita, dopo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...