Sovrumanamente

Sì: per certe cose non c’è più tempo.
E sì: per certe cose è troppo tardi.

Ma non è tardi per riaprire spazi che avevamo chiuso dentro di noi.

Non è tardi per alzarsi la mattina e dire a qualcuno che gli vogliamo bene (ma davvero bene, un bene che quasi non ci stiamo dentro).

Non è tardi per smettere di scrivere cose che non portano a nulla e far invece arrivare messaggi essenziali, limpidi, con parole precise, che dicono proprio quello che vogliono dire.

Non è tardi per guardarsi allo specchio (molti minuti e fissi negli occhi) e sorridere a se stessi, perdonandosi senza giustificarsi.

Non è tardi per individuare il proprio talento come dentro a un mirino e dirsi: questo è ciò in cui devo crescere e che ho l’obbligo umano di condividere. Di spargere. Di far giganteggiare per il mondo, perché il mondo ha bisogno di bellezza.

Non è tardi per chiedere scusa, per bruciare i nostri pregiudizi, per pensarci non come singolo, né come nazione, né come insieme di nazioni in uno o più continenti, ma come umanità.

Amiamo, amiamo, amiamo.
Svisceratamente.
Enormemente.
Sovrumanamente.

Ascolta questa pagina del diario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...