Splendido splendente

Ieri ho pulito la casa. Ogni stanza, tutte le superfici, qualsiasi vetro. Prima detestavo farlo. Adesso mi scoppia una soddisfazione da “cosa concreta con un inizio, una fine e un risultato splendido-splendente”.

C’è un momento di sospensione assoluta, di finto caos che in realtà è il principio di un nuovo ordine: il momento in cui la casa è spogliata e per aria. Tappeti sui davanzali, sedie spostate, riverse sui tavoli, stracci volatili, accartocciati, semi-umidi, misto-macchiati. E poi piante trasferite, mobili sopravanzati, cavi pendenti, sacchetti per l’aspirapolvere, secchi con tecnologia strizza-mocio.

La casa è nel suo stato di massima creatività. Si ridecide tutto, si trasloca, si trasmuta, si ridisegna, si immaginano nuove disposizioni, si scoprono gli spazi che la coscienza non aveva registrato, che non aveva “mantenuto presenti”.

Nel mezzo delle pulizie – con la luce che si tendeva da una sala all’altra – mi sono fermata a meditare su questi luoghi imprendibili. Ci sono punti che, una volta ammobiliate le stanze, non potranno mai più essere puliti. Il retro di armadi alti e pesanti. La riga sottilissima in cui si avvicinano credenza e lavastoviglie. L’angolo incluso tra due pezzi d’arredamento inamovibili. L’unico modo per tornare a pulire questi anfratti sarebbe risvuotare completamente le stanze.

Ecco, dopo quanto? Diciamo una ventina di giorni? Sì, facciamo una ventina di giorni. Bene. Dopo una ventina di giorni di reclusione, sento che sto arrivando a toccare i punti che non risanavo da anni, perché il mobilio interiore era onestamente troppo pesante e la mia voglia era francamente zero. Ma adesso c’è il tempo, ci sono i sogni strani, parlanti; ci sono le persone che tornano, che restano, che si congedano, e tutto diventa più chiaro, come una grande immersione in un detersivo dell’anima che, sì, un po’ brucia, ma il risultato promette di essere splendido-splendente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...