Setaccio-delicatezza

Immergo un setaccio nell’acquario dei gesti. I pesci appaiono dEfoRMati dal vetro e dall’acqua. Bocche palpitanti. Occhi inverosimili.

Estraggo il setaccio. Guardo che cosa è emerso: i gesti che hanno reso delicata la mia quarantena. Le pepite insospettabili.

  • Scostare le foglie del basilico, immergere il naso, aspirare (occhi chiusi).
  • Accendere luci piccole, con ampiezza tenue, carezza soft.
  • Iscrivermi a ben tre newsletter (ho sempre odiato le newsletter, ora mi paiono il giusto compromesso tra uno che ti suona il campanello ogni giorno e uno sconosciuto che per strada ti chiede garbatamente: «Scusi, posso passare?»).
  • Sentire una persona che era giusto, finalmente, sentire.   
  • Aver messo da parte il mio orgoglio per sentire una persona che era giusto, finalmente, sentire.   
  • Stappare quella birra rossa doppio malto dell’iN’s, che mi ha concesso la tregua dall’iper-coscienza. 
  • Leggere queste tre (o quattro?) parole infilate da Borges: sospetto, eternità, Buenos Aires.
  • Finire un romanzo che parla di am(dol)ore.
  • Scrivere a qualsiasi ora del giorno, della notte, del quasi-giorno, dell’infra-notte.
  • Spazzare petali di magnolia.  
  • Distendermi sul pavimento e percepire lo stampo della mia schiena a terra.
  • Innumerevoli messaggi scambiati con persone sacre.    

Ho ancora il setaccio in mano. Strizzo le palpebre per affinare la vista. Continuo a esplorare. 

Ascolta questa pagina del diario

Contrassegnato da tag .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...